Muro Lucano, gioiello della Basilicata: Borgo inVita

07/08/2017

I prossimi 11. 12 e 13 agosto, a Muro Lucano, un luogo di assoluta tranquillità: aria incontaminata, ideale per tranquille e rilassanti passeggiate e per rilassarsi lontani dalla confusione delle città, sito nella Basilicata Nord-Occidentale, l’antico borgo Pianello, un vero e proprio gioiello incastonato nella roccia a 600 metri sul livello del mare, tornerà a splendere tra musica e sapori della tradizione, grazie all’evento Borgo inVita, una straordinaria vetrina delle eccellenze lucane

Borgo Pianello, con la sua morfologia ad anfiteatro e le sue case colorate, è estremamente affascinante, soprattutto al calar della sera, quando le sue meraviglie sono esaltate della luce: il Castello Angioino, la statua di San Gerardo Majella, che domina la città dall’alto del Torrione, un belvedere con una vista mozzafiato, e l’imponente Ponte del Pianello, che divide il centro dalla frazione di Capodigiano, un ponte secolare ad arco parabolico in cemento armato, uno dei primi costruiti in Italia, fortemente voluto da Francesco Saverio Nitti, politico ricordato da queste parti anche per l’imponente diga della città, attualmente, però, non più in uso.

Muro Lucano ha dato i natali a San Gerardo Majella, patrono della Basilicata e protettore delle mamme gestanti e dei bambini. “Il Santo del Popolo” è nato nell’antico borgo Pianello, dove oggi la casa natia è visitata dai turisti che raggiungono la cittadina lucana.

A borgo Pianello, primo nucleo abitativo di Muro Lucano, da venerdì 11 a domenica 13 agosto, si terrà l’evento Borgo inVita, un percorso enogastronomico, artigianale e culturale organizzato dalla Associazione Muro inVita. Tra i vicoli del borgo si articolerà un percorso in cui domineranno i prodotti tipici, somministrati dai produttori della zona, nel solco di una tradizione gastronomica sempre viva da queste parti. Tra le viuzze ci saranno anche gli artigiani locali, che rievocheranno antichi mestieri, come la lavorazione del vimini e la produzione di oggetti attraverso il riciclo di materiali. Non mancheranno canti e balli della musica popolare lucana, gruppi di giocolieri, trampolieri e sputa fuoco invaderanno le vie del borgo e giovani ragazzi del posto suoneranno l’organetto.

L’Associazione Muro inVita ha anche organizzato visite guidate gratuite nei luoghi di San Gerardo Majella con la casa del Santo, che sarà aperta al pubblico fino alla mezzanotte.

Dove mangiare a Muro Lucano: ristorante Pizzeria “Il Casereccio; Ristorante Pizzeria “Acquviva”

Dove dormire a Muro Lucano: B&B Il Querceto, Agriturismo la Bontà, Hotel delle Colline, Hotel Miramonti

Come arrivare a Muro Lucano: con l’aereo all’aeroporto di Napoli Capodichino - in treno alla stazione di Potenza Centrale (anche AV) o in alternativa Salerno. La stazione, per i treni non ad alta velocità, è quella di Bella - Muro, che dista 10 km dal centro città - in auto l’uscita di riferimento sulla Salerno-Reggio Calabria è quella di Sicignano e successivamente Balvano. In occasione dell’evento Borgo inVita, l’Associazione organizza un servizio navetta per l’aeroporto di Napoli e le stazioni di Potenza e Salerno.

Info, pacchetti per il soggiorno, programma completo: Associazione Culturale Muro inVita - cel +393334223443 - associazionemuroinvita@gmail.com - www.muroinvita.it.