Milano, Istituto Nazionale dei Tumori: la Stagione de laVerdi in Hospice

07/11/2017

Sabato 11 novembre, alle 17, in occasione della XVIII Giornata Nazionale Cure Palliative, a Milano, presso l’Istituto Nazionale dei Tumori, ci sarà il primo appuntamento della Stagione de laVerdi in Hospice, un calendario di concerti, previsto tra novembre 2017 e giugno 2018, per il benessere del paziente oncologico.

La Stagione de laVerdi rientra in una serie di attività artistiche, che si svolgono presso l'INT e che coinvolgono il paziente sia come attore, sia come spettatore. - ha detto Enzo Lucchini, Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano - Da sempre, infatti, riteniamo che l’arte, intesa in tutte le sue espressioni, abbia la capacità di stimolare risorse ed energie fondamentali nel percorso terapeutico. L’ascolto della musica in particolare, come dimostrano anche le ricerche condotte in tal senso, agisce a livello psicologico e riverbera positivamente sulla sfera organica. Per questo rappresenta un'ulteriore strategia nell’ambito delle cure palliative per il benessere del malato. È evidente inoltre che anche i familiari possono trarre benefici dall’ascolto della stessa.

Curare il malato oncologico significa anche offrirgli un supporto psicologico se è necessario e in questo la musica rappresenta un innegabile aiuto. - ha aggiunto Luigi Cajazzo, Direttore Generale dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano - Ma non solo. Uno degli obiettivi dell’INT è l’umanizzazione del luogo di cura anche per chi vi lavora e trascorre gran parte della sua giornata a fianco del malato oncologico. La musica dunque può migliorare ulteriormente la comunicazione empatica tra medici, infermieri e pazienti soprattutto all’interno dell’Hospice dove si crea un dialogo che molte volte è fatto di espressioni e di gesti, più che di parole.

laVerdi ha aderito con entusiasmo ai “Momenti musicali” del nostro Hospice Virgilio Floriani inserendovi una propria stagione. - ha spiega Augusto Caraceni, Direttore della Struttura Complessa di Cure Palliative, Terapia del Dolore e Riabilitazione dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano - Da più di un anno, infatti, per iniziativa dei volontari della LILT, riceviamo in Hospice circa una volta al mese, artisti e gruppi musicali di diverso genere che offrono le loro capacità e la loro arte ai malati, ai visitatori e al personale.

La partnership con l’Istituto dei Tumori di Milano - ha affermato Ruben Jais, Direttore Esecutivo e Direttore Artistico della Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi - riprendendo una collaborazione radicata nel tempo, riveste molteplici significati per laVerdi. Rendere possibili le esecuzioni dei vari ensemble della Fondazione di largo Mahler direttamente nelle strutture di via Venezian ha, infatti, un valore oggettivo in sé, per il prestigio assoluto e la valenza scientifica e sociale di altissimo spessore che l’INT interpreta. Entrare poi con la nostra musica in un reparto particolarmente delicato e sensibile come l’Hospice Virginio Floriani, amplifica ancor più il calibro e la caratura dell’iniziativa che - ne siamo certi - sarà accolta dal giusto apprezzamento, a cominciare dal concerto di apertura del Coro di Voci bianche. Auspico, quindi, che questo genere di manifestazioni, che sanno congiungere e coniugare il valore primario dell’arte per l’esistenza umana con il valore inestinguibile e inestimabile della vita, possano non solo confermarsi ma diffondersi il più possibile a Milano e nella società.