Milano: VIII Festival della Moda Russa

08/12/2017

Il 24 e 25 novembre scorsi si è svolta l'ottava edizione del FESTIVAL DELLA MODA RUSSA, con il patrocinio del Comune di Milano e della Camera di Commercio Italo-Russa.

Nel centralissimo showroom milanese in via Cerva 30 di SOCIETÀ ITALIA, l'azienda di rappresentanza e distribuzione di grandi griffe della moda internazionale, che lo ha ideato e da sempre organizzato, sono stati presentati i più brillanti fra i giovani designer provenienti dalla Russia e da altri Paesi della CSI.

Se nelle sette edizioni precedenti il FESTIVAL DELLA MODA RUSSA ha ospitato più di 50 designer provenienti da diverse repubbliche dell'Europa orientale, quest'anno sono ben 17 i designer, provenienti da Federazione Russa, Georgia, Uzbekistan, Armenia, Estonia, Kirghizistan, Moldavia e Lettonia, che hanno esposto le creazioni dei loro brand in questa vetrina d'eccezione che ha l'obiettivo di offrire un panorama della moda russa (e non solo) contemporanea, e sviluppare un terreno di scambio fra i designer partecipanti e i protagonisti dell'industria della moda italiana.

L'apertura ufficiale del Festival, il pomeriggio di venerdi 24, ha visto la presenza di importanti personalità istituzionali, Comune di Milano e rappresentanze consolari e del settore moda, fra gli altri il presidente di Fiera Mifur, Jhon Richmond, La Perla, Gianfranco Ferrè Furs, Liu Jo, Manudieci srl, Casile & Casile Fashion Group. A cui si è aggiunto un folto pubblico di oltre 250 ospiti intervenuti a conoscere le nuove proposte d'oltre cortina.

Siamo felici di questo risultato, che ha dato ragione alla nostra decisione di fare nuovamente di Milano la capitale della moda russa dopo tre anni dalla scorsa edizione. - commenta Roberto Chinello, CEO di Società Italia - La Russia e le altre Repubbliche di quell'area registrano la ripresa economica, la grande novità è che il peso dei brand nazionali di quei mercati diventa sempre più importante, e questo non sfugge ai loro Governi, desiderosi di affrancarsi dalla dipendenza dalle materie prime. Di certo questa situazione porterà a sovvenzioni e aiuti, il Made in Italy avrà nuove sfide da affrontare molto presto.

Una giuria qualificata composta non solo da giornalisti e operatori della moda, ma anche di altri settori, gioiello, pittura, cultura, hanno dato le loro valutazioni, selezionando i 6 migliori designer, che potranno esporre le loro collezioni per due mesi nel temporary store allestito da Società Italia, splendida occasione di visibilità nella piazza più importante del fashion system internazionale.

Hanno votato non solo addetti ai lavori - continua Roberto Chinello - ma persone che hanno considerato i capi non da un punto di vista prettamente tecnico, ma soprattutto per l'impatto e l'emozione che si percepisce a prima vista.

Info: www.festivalrussianfashion.societaitalia.it