Milano: PMI Day: credito, crescita e innovazione nell’era 4.0

05/06/2018

Ieri, lunedì 4 giugno, al Palazzo Giureconsulti di Milano, si è svolta la tavola rotonda PMI Day: credito, crescita e innovazione nell’era 4.0, promossa da QN IL GIORNO e da UBI Banca.

Alla tavola rotonda hanno partecipato: Carlo Edoardo Valli, vice presidente della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, Letizia Moratti, presidente del Consiglio di Gestione UBI Banca, Marco Accornero, Segretario Generale di Unione Artigiani e membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, Riccardo Tramezzani, Responsabile della Macro Area Territoriale Milano Emilia Romagna di UBI Banca, Silvano Mantovani, Amministratore Delegato di AEREA S.p.A., Lorenzo Pugassi, Presidente di Inoxfucine S.p.A.,Valerio Momoni, Direttore Centro Studi, Sviluppo Strategico e Marketing di Cerved.

La tavola rotonda è stata moderata da Sandro Neri, direttore del quotidiano Il Giorno.

Secondo i dati elaborati dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, Milano guida l’economia 4.0 sia italiana sia europea.

Tra start up innovative, 1500 a Milano su circa 9 mila in Italia nel 2018, quasi la metà delle assunzioni delle imprese per lavori 4.0, circa 15 mila posti su circa 30 mila al mese (dato di maggio 2018), export di innovazione da mezzo miliardo al mese su 3,5 miliardi nazionali nel 2017, +10% circa in un anno, 14 mila imprese nei settori ad alto contenuto tecnologico su 120 mila in Italia (+ 3,5% in un anno e + 8% in cinque anni), con 230 mila addetti, il 28% nazionale, che fatturano circa 7 miliardi al mese, circa 600 brevetti europei depositati in un anno su meno di 4 mila in Italia (il 15%, ultimo dato disponibile al 2015). Tra i primati: 5 miliardi di spesa per ricerca e sviluppo (R & S) in Lombardia, su oltre 20 miliardi in Italia con 50 mila addetti, dati Istat che inseriscono Milano e la regione nel 4% delle più innovative in Europa (11° posto su 270 regioni “Nuts 2”, preceduta da alcune regioni tedesche, francesi, olandesi, belghe, inglesi, svedesi).