Lerici, Castello di San Terenzo: una mostra di arte condivisa

10/08/2018

Fino al 19 agosto, dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 18:30 alle 22:30, nelle sale del Castello di San Terenzo, in Via Castello 8 a Lerici (La Spezia) di Lerici, costruito con la collaborazione di tutta la popolazione per proteggere il paese dagli assalti dei pirati saraceni, si può visitare la mostra ArteAmare, allestita con la collaborazione del Polo Museale della Liguria - MiBACT, in cui l’artista Paolo Grassi propone ai visitatori la creazione di un muro simbolico, che unisca e non divida, i cui mattoni sono le fotografie di tutte le persone che si affacciano alla finestra virtuale.

Ogni visitatore, infatti, trova nel Castello un fondale dove farsi fotografare con il volto inserito in una feritoia delle mura. Le fotografie, inviate su Facebook o Instagram con l’hashtag #arteamare, saranno, poi, ricomposte da Paolo Grassi alla fine della mostra per dare origine a un’opera collettiva denominata The Castle Wall.

Il muro “virtuale” servirà, così, ad unire e conterrà al suo interno l’immagine e lo spirito delle persone che contribuiranno all’opera: sarà, cioè, un intervento di “ri-costruzione” con al centro l’uomo …

Paolo Grassi non è nuovo a queste operazioni. Nel progetto Generation of the city, visibile nella mostra di Lerici, infatti, con una sovrapposizione di immagini l’artista mette in relazione gli elementi architettonici della città con le persone che l’hanno generata e che la modificano in continuazione.

Anche la sua fotografia in bianco e nero, denominata resinopigmentipia, affonda le sue radici nella storia, ma guarda al futuro, ispirandosi alla pittura e alla tecnica dei primi anni del Novecento rielaborata, però, attraverso un personale ed originalissimo procedimento di stampa eco friendly per persone e ambiente.

Circa la metà delle opere in esposizione, inoltre, viene rielaborata in Realtà Aumentata attraverso l’applicazione HP Reveal, gratuita, compatibile con tutti gli smarthphone e Iphone e facilmente scaricabile. I visitatori possono, così, godere una visita all’esposizione insieme reale e virtuale. Infatti, ogni volta che si inquadra una foto “aumentata”, sia essa reale o riprodotta su catalogo, l’applicazione HP Reveal mostra l’espansione della stessa.

In questo modo, lo spettatore non conclude la visita nel momento in cui esce dall’esposizione, ma può riprodurre l’esperienza quando e dove vuole.

Info: www.arteamare.it - www.musei.liguria.beniculturali.it/notizie/eventi/arteamare - www.lephotoart.com