Ernestomeda, azienda leader nella fascia alta del mercato delle cucine di design, ha ottenuto il riconoscimento Indoor Hi-Quality, che attesta la conformità delle sue cucine agli standard sull’inquinamento indoor previsti dalla certificazione internazionale LEED (Leadership in Energy and Environmental Design).

Ernestomeda è tra le prime aziende in Italia ad essere conforme a questo standard internazionale, come verificato dal Cosmob, un laboratorio accreditato e specifico per il settore legno–arredo, tra le poche realtà in Europa e l’unica in Italia ad effettuare prove accreditate per la valutazione dell’emissione dei VOC (Volatile Organic Compounds) utilizzati nei processi di realizzazione di mobili e cucine.

Le cucine Ernestomeda sono LEED compliant: i materiali utilizzati per la loro produzione risultano essere a bassa emissione di composti dannosi per l’organismo umano - in primo luogo la formaldeide – e pertanto conformi al requisito LEED relativo all’inquinamento indoor (Commercial Interior - IEQ Credit 4.5).

Il riconoscimento della LEED compliance segue le iniziative di EMvironment, il progetto Ernestomeda volto all’implementazione continua dei processi aziendali, al fine di promuovere uno sviluppo industriale eco-sostenibile. Dal controllo dei consumi energetici, dell’inquinamento acustico, delle emissioni nell’atmosfera, alla gestione dei rifiuti e dei deflussi delle acque di scarico, fino alla realizzazione nel 2011 dell’impianto fotovoltaico, che ha reso l’azienda energicamente autosufficiente.

Bisogna considerare che l’impatto principale di una cucina sull’ambiente e sulla sicurezza di chi la utilizza è legato alle esalazioni emesse dai vari elementi che la compongono – dichiara Alberto Scavolini, Amministratore Delegato Ernestomeda – per cui l’utilizzo di prodotti a bassa emissione di composti nocivi costituisce un requisito fondamentale per migliorare la qualità dell’aria all’interno delle abitazioni. Proprio per questo abbiamo scelto il riferimento normativo LEED, i cui criteri mirano in primo luogo a preservare l’ambiente e la sicurezza degli utilizzatori finali.

 Versione stampabile




Torna